Lo spostamento dal divano al letto



110 comments







Written by zerocalcare

aprile 2nd, 2017 at 11:19 pm

Posted in Uncategorized



110 Responses to 'Lo spostamento dal divano al letto'

Subscribe to comments with RSS

  1. In effetti posso confermare che dormire sul divano è il primo passo verso il mondo delle bestie feroci. Macchissene!

    PaoloPisoloCiaravino

    2 Apr 17 at 11:32 pm

  2. Poi io mi lamento del divano letto. Non lo farò più. 😉

    Enrica

    2 Apr 17 at 11:39 pm

  3. “Io c’ho duemila anni de contributi” ….. GENIO

    lina

    2 Apr 17 at 11:53 pm

  4. Ho passato trentasei anni a dire a mio padre “cazzo fai a dormire a tratti sul divano? Vai a letto, no?”.
    Ora capisco =__=

    Bee

    3 Apr 17 at 12:25 am

  5. Come te capisco …

    Barlemi

    3 Apr 17 at 6:55 am

  6. Non se ne esce. E io la tv in camera ce l’ho. Fidate, non se ne esce.

    Suno

    3 Apr 17 at 7:36 am

  7. Calcare, chettelodicoaffare: la soluzione e’ il tablet a letto.

    Dave

    3 Apr 17 at 7:42 am

  8. Io ho la tv in camera!! bbbbbbuahahahahha!

    Manuel

    3 Apr 17 at 7:44 am

  9. Parlare con la ricerca. Pacatamente.
    Il top di queste tavole superlative.
    Un ottimo modo per cominciare una settimana.

    Hombre

    3 Apr 17 at 8:13 am

  10. E compratela la tv in camera che ormai i televisori te li tirano dietro… Comunque quella del teletrasporto e’ una fissa di molti, pure di mia moglie… Star trek ha rovinato troppe menti 😛

    Coimbra

    3 Apr 17 at 8:13 am

  11. Se come me hai un fottuto soppalco e in casa tua da maggio a settembre ci stanno 96 gradi, il divano vince spesso. Selezione naturale.

    Daniele

    3 Apr 17 at 8:23 am

  12. Max Pezzali LEL

    Simone Raul

    3 Apr 17 at 8:31 am

  13. Io la tele non ce l’ho ma ci ho il sacco a pelo e dormo sul divano. Per scelta. Sì, a me le camere da letto mi danno le paturnie e allora le ho chiuse tutte e le apro solo quando arrivano gli ospiti che ci vanno a dormire. E quando viaggio io mi ospitano loro ma porto sempre il sacco a pelo con me e così mi lasciano dormire dove voglio. In questi giorni sono a Verona e di notte dormo su un divano verde oliva ma stanotte mi sono svegliata verso le due col panico e allora mi son messa a dormire per terra sopra un tappeto un pochino azzurro e mi è passato subito. Ciao, che bello che sei tornato! Tra qualche giorno scendo a Roma e se mi viene il panico notturno penso a te.

    Silvina

    3 Apr 17 at 9:08 am

  14. Zero,
    purtroppo come spiega Krauss nel suo celebre saggio “La Fisica di Star Trek”, il teletrasporto è irrealizzabile: al massimo si potrebbe realizzare un “tele-clonatore”, che permetterebbe di avere un ZC bis “teletrasportato” sul letto, copia dell’originale ancora sul divano IKEA
    Alla lunga avresti un esercito di ZC, con conseguenze ancora più nefaste del singolo Zombie-Calcare

    Ma questo è un altro post…

    Quore

    3 Apr 17 at 9:26 am

  15. Non cedere Calca’ anche la TV in camera è il male, resisti e combatti!

    Martino

    3 Apr 17 at 9:31 am

  16. Laptop+letto è superiore a tv+divano. Tanto cazzomenefrega di guardare le serie in super extra HD se dopo 20 minuti m’addormento.

    Ren

    3 Apr 17 at 9:35 am

  17. ma hai Daenerys capabomba?

    stavo per ridere in ufficio,bravo!

    ps: stai bene vestito da germanica tutrice

    Antonella M

    3 Apr 17 at 9:35 am

  18. Dico solo: nel vano segreto del poggiapiedi Ikea KIVIK (sforderabile con vano contenitore) tengo apposta una copertina di pile, nel caso venisse freschino.
    E la signorina rottenmaier? Muuuuta.

    Maax

    3 Apr 17 at 9:44 am

  19. Fantastica.
    Fosse solo per il vattenafanculo Margaret Thatcher
    Di tutti i vaffanculo odierni il più sacrosanto.

    dario

    3 Apr 17 at 9:47 am

  20. Mettiti il pigiama prima, Calcà! E vai di gomme da masticare senza zucchero.

    Evk

    3 Apr 17 at 9:51 am

  21. Te pensa che sono anni che lotto con mio marito per NON avere la TV in camera. Perché? Perché io odio addormentarmi con la TV accesa. Mi sveglio dopo un’ora con un giramento di zibidei infinito.
    Pertanto quando lui si addormenta sul divano io lo lascio lì. A volte poi viene a letto, a volte no.
    Ultimamente ha aggirato il problema: si guarda i film sul portatle, a letto. M’ha fregato! 😀

    Sephora

    3 Apr 17 at 9:51 am

  22. Quando ho fatto l’ultimo trasloco ho lasciato scatoloni e mobili smontati per due mesi in camera da letto e nell’altra stanza-studio. Vivevo in cucina. Lavoravo a bordo divano letto. Mangiavo a bordo divano letto o alla finestra. Per andare al cesso andavo al cesso sì, ma tutto il resto potevo farlo sul divano ikea più economico del catalogo. Vivevo in sedici metri quadrati che comprendevano computer, viveri, padelle, qualche indumento trafugato dal regno degli scatoloni e il giaciglio di gommapiuma e cotone che gli svedesi spacciano per comodità a poco prezzo.
    E stavo da dio.
    La pigrizia di dovermi spostare aveva sposato la tendenza a procrastinare la fase montaggio del trasloco.
    A dormire e smontare le cose sono un vichingo.
    Continuo a essere una pippa a finire quello che inizio, ma sticazzi.

    Salvatore

    3 Apr 17 at 10:00 am

  23. Ma di Danana hai la figura pop-head? Quella dittatrice sanguinaria, ottusa e ipocrita?
    Se mi sono sbagliato nell’identificazione chiedo scusa.

    Uno

    3 Apr 17 at 10:01 am

  24. Cesso lontano
    Pianta vicina
    Concime costoso
    Win/Win

    Totale 😀

    Riccardo

    3 Apr 17 at 10:02 am

  25. Grande!!!! La tua Zero e` la perfetta descrizione delle mie nottate estive, quando la mia famiglia e` via ed io mi abbrutisco sul divano. A mio ulteriore sfavore c’ho pure che dovrei fare un piano di scale per salire in camera ed allora dormo sul divano!

    Francesco

    3 Apr 17 at 10:03 am

  26. Spostamento dal letto al divano = spesa energetica.
    Spesa energetica = aumento dell’entropia dell’Universo
    Aumento dell’entropia = Morte Termica dell’Universo
    (mica balle: https://it.wikipedia.org/wiki/Morte_termica_dell'universo).

    E ci credo che Cthulu e Azazel non t’ascoltano! Così fai il loro gioco!

    Pentiti! Onora il Sacro Divano che accoglie amorevole i nostri fluidi ed effluvi corporei vegliando sul nostro meritato riposo…

    Il Possente Friheten vegli su tutti noi!

    Stefano

    3 Apr 17 at 10:04 am

  27. dieci metri in linea d’aria. ammazza che casa grande. stai a fa’ i sordi eh?
    bravo.

    Marino Voglio

    3 Apr 17 at 10:05 am

  28. Continuo a trovare davvero irrispettoso il suo modo di rapportarsi alla famiglia dei robot Emiglio/Emiglino.
    Su questo suo atteggiamento ho gia’ scritto in passato.
    Sul servilismo robotico che lei avalla ho scritto invece qualcosa di insolitamente toccante (per un robot) che la pregherei di leggere prima di perpetuare questa weltanschauung:
    http://cobolpongide.blogspot.it/2015/07/lettera-ad-un-genitore-mai-del-tutto.html

  29. Ma allora è ‘na cosa condivisa! Mi sento meno sola.

    Anna

    3 Apr 17 at 10:08 am

  30. No. La TV in camera no. È l’ultimo baluardo antiborghese, se crolla quello tanto vale che cominci a pagare il biglietto dell’autobus e che il sabato mattina vai a fare la spesa settimanale col SUVve.
    Meglio la barbarie.

    Spinoza

    3 Apr 17 at 10:10 am

  31. Grandissimo zero. Io ho pure messo la TV in camera per far venire mia moglie su ma niente oh. Sto cinque minuti li dice sul divano …

    Gianluca

    3 Apr 17 at 10:13 am

  32. uguale uguale, grazie. E un compagno, un figlio, uno “status famiglia” e una casa quasi civile, non azzerano il problema.
    Si rimane in due, sul divano. L’unica cosa che ti sveglia è una ginocchiata dell’altro, o il troppo caldo che d’estate levate-preferisco-il-letto-o-direttamente-fuori-sul-prato.
    Oppure uno dei due ce la fa, risorge, arranca verso il letto…e lascia l’altro sul divano, lo sconfitto. Giusto una lucina accesa per pietà, perchè ritrovi la strada di casa verso le 3-4 di notte. Tipo me, ieri sera.

    Insomma, è bene tenersi il problema…son quelle cose che ti faranno sentire sempre giovane. (o sempre vecchio?)

    Jada

    3 Apr 17 at 10:18 am

  33. HAHAHHA pivello. La madre dei miei figli compie questo drammatico gesto con una creaturina attaccata al seno che pesa una dozzina di kili, e APPENA cerca di staccarla parte l’allarme che sveglia tutto il palazzo… E pròvace, dai, provace tu.

    marco

    3 Apr 17 at 10:18 am

  34. Portatile nel letto, ecco la risposta che gli Ddei ci hanno dato

    Pom

    3 Apr 17 at 10:25 am

  35. in effetti te lo volevo chiedere… ma non sarbbe tutto molto più semplice se avessi una tv in camera? non significa che devi rnunciare a quella davanti al divano, eh… puoi avere entrambe! giuro!

    marta

    3 Apr 17 at 10:27 am

  36. Non m’ero mai accorto che la Genkidama fosse un riferimento preciso al miracolo della vita.

    Nanni

    3 Apr 17 at 10:28 am

  37. Tutto ciò mi è stato di ispirazione per il disegnato che ti chiederò al Salone del libro…Calcare con la testa incastrata nel divano, con la bavetta. Sì sì.

    Norena

    3 Apr 17 at 10:28 am

  38. Grazie di queste tavole. Senza di te il mio ragazzo non avrebbe mai capito la tragedia che vivo e che provavo a spiegargli da anni (perché se glie lo dico io non vale)…

    Serena

    3 Apr 17 at 10:29 am

  39. È per questo che io guardo tutto al computer comodamente seduta sul letto. E poi puntualmente finisco per dormire SOPRA IL LETTO. VESTITA.
    È tutta questione di esperienza. Tutta esperienza.

    Elena

    3 Apr 17 at 10:37 am

  40. fai un figlio, e quello che adesso vedi come tortura lo ricorderai come un paradiso

    spillaman

    3 Apr 17 at 10:41 am

  41. ..scusa, non c’entra…ma grazie davvero.. zerocalcare= ripijarmi dopo una mattinata di melma. davvero (non sai quanti , stando male, ‘vanno’ un po’ meno male con te..)

    mauro

    3 Apr 17 at 10:42 am

  42. Però cosa c’entrano gli dei sumeri con CTHULHU?
    Casomai GOZER, no?

    Paolo

    3 Apr 17 at 10:47 am

  43. No però dico, qualche soldino ti sarà arrivato in questi anni.ma se ti prendi un divano decente anche per la schiena, i tuoi amici ti additano a fashion victim? Sul teletrasporto è dagli anni ’80 dal film la mosca che ho non faccio più donazioni mirate a quel progetto

    Buzz

    3 Apr 17 at 10:54 am

  44. Ecco. Per noi fanciulle è pure peggio, ché ci svegliamo già prima di mettere la testa sul cuscino. Struccati tu coll’acqua calda alle tre di notte, poi vediamo se dopo hai ancora voglia di dormire. E se me ne andassi a letto truccata la fraulein Rottenmeier che dorme dentro di me si metterebbe ad ululare, altro che i “Misericordia!” che lanciava dietro a Heidi… =)

    Françoise

    3 Apr 17 at 11:17 am

  45. “E poi mica vi sto a dì che vi dovete imparare a mandare le cose su Marte eh. Ao divano-letto, è la stanza accanto. Sò dieci-metri-dieci in linea d’aria. Je la fa pure il mio router col Wi-Fi.”
    Che dire su questo monologo? Sola una parola… GENIO!
    Ah Calcà come ti capisco, quando sei già nelle grinfie di Morfeo e non hai voglia di muovere un muscolo.
    Non mi aspettavo una nuova storiella così ravvicinata dall’ultima postata, mi hai sorpreso. :)))
    Grande Calcà!

    P.s. Qualche inventore, che si è letto questa storiella di Zerocalcare, ora si alza fa un respiro profondo e si metta a progettare il teletrasporto. GRAZIE.

    AndriDevil

    3 Apr 17 at 11:20 am

  46. A calca , e Fattela la tv in camera come me ti si aprirà un mondo però niente spuntini in camera solo bottiglie di birra o cubalibre.

    Marco

    3 Apr 17 at 11:37 am

  47. Dio ci salverà
    Il divano è un’entità superiore, non possiamo farci nulla.
    E a livello materiale, ha la gravità di un buco nero supermassivo.
    NUNJELAPOTEMOFA’

    Quinni pace, e bonanotte

    In fondo, l’unica cosa che conta è la luce: spegnila e poi è tutto uguale.

    Sotantar

    3 Apr 17 at 11:46 am

  48. Ho messo IERI la tv in camera.

    WIN.

    atmb82

    3 Apr 17 at 11:50 am

  49. E non hai una switch nel comodino che ti chiama ogni notte.

    Antonio

    3 Apr 17 at 11:59 am

  50. Leggendo questo post inizio a considerarmi fortunata ad avere il divano Ikea modello piu’ scomodo di sempre dove dormire e’ impossibile…

    Giupy

    3 Apr 17 at 12:06 pm

  51. Diciamo che dopo una sana notte passata sul divano, e CONSAPEVOLMENTE, eh… questa storia casca proprio a FAGIUOLO.

    Come al solito, grande Zero. I miei colleghi grazie a te sono sempre più fermamente convinti della mia grave insanità mentale.

    Sticazzi.

    Ciao, compà.

    Michele

    3 Apr 17 at 12:46 pm

  52. Grazie davvero per tutto quello che scrivi! sei un grande!

    Mattia

    3 Apr 17 at 1:04 pm

  53. fai cosi, leggi un libro quando arrivi a letto e svieni in due secondi…anche uno tuo 😛

    rez

    3 Apr 17 at 1:57 pm

  54. Ciao, non per essere pesante, ma Ganesh dovrebbe avere una zanna rotta e mi hanno suggerito di farlo notare :D… scegli il divano, scegli la vita

    Lou

    3 Apr 17 at 2:05 pm

  55. no no…io sono abbrutita! Anche stanotte DIVANO! Ed infatti non c’ho piante! Almeno non rischio…

    aurora

    3 Apr 17 at 2:37 pm

  56. la soluzione, banale, che ho a casa perché non cio’ na’ camera da letto, è Hemnes della cara Ikea… ^^

    Leo

    3 Apr 17 at 3:07 pm

  57. … comunque non ti scrivono più “PRIMO!” nei commenti. Sono bastati solo pochi anni: l’umanità non è ancora condannata

    Simone

    3 Apr 17 at 3:11 pm

  58. Scusa ma mettere il pigiama quando via sul divano? il passaggio diventa più facile

    Olindo

    3 Apr 17 at 3:19 pm

  59. io invece la tv in camera ce l’ho (con tanto di netflix), e infatti mi addormento direttamente davanti alle serie tv

    Michele R

    3 Apr 17 at 3:36 pm

  60. Tele in camera,telecomando scarico da 4 mesi, tele inutilizzata da 4 mesi. Tutte le sere la stessa vignetta con preghiere in ordine sparso e confuso. Meh

    Lorenzo

    3 Apr 17 at 3:43 pm

  61. Caro calcare,
    Io per due anni ho dormito sul divano esattamente per questa ragione 😂 Ma la bestialità raggiunta non ha impedito al lato drammaticamente umano di affittare la mia stanza ad altri, visto il disuso 😂😂😂

    Aoichan

    3 Apr 17 at 4:06 pm

  62. Che non hai mai giocato a scacchi in vita tua si sente dal monologo 😉

    Albi

    3 Apr 17 at 4:23 pm

  63. Un po’ spero che Emiglio e Lo stato sociale sia una super citazione

    Pie

    3 Apr 17 at 4:36 pm

  64. Du’ cose..

    quel teletrasporto mi sa di deja-vu..
    perchè, ho un ricordo di un numero di topolino, di circa 18 anni fa (dimmi come sto messo già dicendo così..) con una storia chiamata “Paperone e le autostrade fax”. Il teletrasporto pare uguale ! Roba che Stargate, scansate..

    l’altra

    se te serve, so’ antennista. Ammette ‘na presa n’camera co’ 40 euro, risolvemo..

    Andrea

    3 Apr 17 at 5:08 pm

  65. AHAHAHAHHAHA empatia totale. Io ho risolto giocando d’anticipo, ma è dura mantenere sempre la stessa costanza. Il problema secondo me so’ i denti, l’acqua sveglia, alla fine si usa anche per far riprendere dagli svenimenti e pure il movimento attiva. Quindi, bisognerebbe puntare su un metodo di pulizia denti privo di sforzo e acqua ( magari più fattibile del teletrasporto, boh). Altrimenti, uno dei metodi relativamente efficaci è aprire gli occhi il meno possibile e non accendere troppe luci ( la riuscita va in base all’entità del sonno che c’hai ).

    Escachepesca

    3 Apr 17 at 6:17 pm

  66. Sei un cazzo di genio.

    Samuel

    3 Apr 17 at 6:33 pm

  67. La tivù in camera è da debosciati.

    Luca

    3 Apr 17 at 8:22 pm

  68. Geniale, davvero!l’ho letto stamattina sull’autobus, x un’ora di viaggio ho continuato a ridere da sola, la gente che mi guardava come fossi pazza.
    Succede anche a me. Sempre. Addirittura due sere fa ero talmente in coma, con tanto di bavetta da lumaca, che ho fatto il tragitto divano-letto A OCCHI CHIUSI (tanto mi oriento, ho pensato). Risultato: sono andata a sbattere contro la qualunque x cui alla fine il mio istinto di sopravvivenza ha avuto la meglio e li ho aperti, ovviamente poi non ho più ripreso sonno.
    Cmq, visto l’inizio di settimana non proprio tranquillo che ho avuto oggi al lavoro, grazie, perché ancora una volta mi hai illuminato il lunedì!

    Paola

    3 Apr 17 at 8:24 pm

  69. Ci sono piaceri anchici che solo un single può provare …
    oltre i pattini ovvio 😉

    Fabio

    3 Apr 17 at 8:38 pm

  70. Che poi sul divano, io ci dormo tre vole meglio, anzi dormo meglio su divano, posizione seduta di sbiego, luce soffusa, tv accesa, che non sul letto al buio. Testato! Sottoscrivo in pieno, succede anche a me! Grande calcá!

    AleGirasole

    3 Apr 17 at 9:12 pm

  71. @Andrea: Oddio è vero, anch’io ho avuto il deja vu!

    Io comunque ho la tv in camera ma ogni tanto rivivo quel calvario del tragitto divano-letto…Ci siamo passati tutti.

    Silvia

    Le Sorellastre

    3 Apr 17 at 9:32 pm

  72. <3 Maggie 😀

    Rexx

    3 Apr 17 at 10:13 pm

  73. Che pure sulla Poang Ikea si ronfa meravigliosamente, specie se hai problemi di digestione dopo cena. Da farci tutta la notte e poi al mattino farsi inumare in posizione seduta.

    gigliola

    3 Apr 17 at 10:31 pm

  74. ONDÌO, L’ARMADILLO CON GLI OCCHIALETTI 😭😍

    Robertina

    3 Apr 17 at 10:54 pm

  75. E conta che non hai un cane da portare giù e non ti devi struccare…a quel punto puoi pure leggerti la bibbia che non t’addormenti più…

    annalisa

    4 Apr 17 at 6:02 am

  76. Niente è più bello che dormire sul divano con la tv accesa. Mai mi addormento più velocemente e dormo più saporitamente – finché dura e ci si sveglia nel cuore della notte ovviamente. E no, la tv a letto non è neanche lontanamente la stessa cosa. Ci ho provato, non mi addormento neanche.

    Rossella

    4 Apr 17 at 8:59 am

  77. Dormo sul divano da 6 anni, la mia Rottermaier è morta. Non caco ancora nelle piante però camera mia stava al piano di sopra oh!

    Ivan

    4 Apr 17 at 9:10 am

  78. Ma calcà, le basi cazzo!
    Nella vita uno s’arrangia, checcazzo! Dov’è finito il bricolage? Acchiappa un trapano, fora il muro da parte a parte, compra una prolunga e rendi il posto un velivolo smantellato!
    Poi oh se stai in affitto il muro lo stucchi o ce metti un foglietto di carta scotchato con su scritto “cucù”

    Mannaggiattè

    4 Apr 17 at 12:17 pm

  79. uhmmmm….e spostare preventivamente il divano in camera da letto??? così freghi la signora Rottermaier…ehehehhe….e poi che paroloni: mi alzo dal divano….si può anche strisciare!!!..pensaci…

    simdani

    4 Apr 17 at 2:53 pm

  80. ahahah concordo,il passaggio dal divano al letto e un viaggio dimensionale.

    roberto

    4 Apr 17 at 3:04 pm

  81. Io “telavevodetto” che non è normale guardarsi una serie tv all’una di notte, ma che faresti meglio ad andare dritto a letto alle undici al massimo e se vuoi strafare a provare a leggere un po’ invece di lasciare che tv o monitor forzino il tuo cervello su “on”. ^^

    Sergio Caporal

    4 Apr 17 at 5:41 pm

  82. Io al teletrasporto c’ho sempre pensato quando ormai ‘sto a letto e mi viene da anda’ al cesso.

    YaK

    4 Apr 17 at 11:49 pm

  83. te ce scherzi, dico col teletrasporto = tecnologia salvifica, che “ma quanno ariva?”

    ma l’umanita’ quanto ce sta a conta’, pe davero, mica pe ride, su ‘na tecnologia salvifica, che risolva il problema energetico?

    tipo quello che cadeva dal grattacielo: “fin qui tutto bene”

    e’ da mo’ che se sente di’ “stamo a fini er petrolio, ma la tecnologia salvifica… traquilli”

    il problema non e’ la caduta…

    PS: calcare, si mej’ ‘e makkox…

    corrado

    6 Apr 17 at 7:18 am

  84. S.U.G.
    (sei un genio) <3

    Bem

    6 Apr 17 at 8:19 am

  85. Comunque l´una é ufficialmente notte eh… solo per dire. Per le tre puoi giá cominciare a parlare di mattina, piú che “sera”.

    camicione

    6 Apr 17 at 9:05 am

  86. Stanotte ti ho sognato. Capitavi inaspettato e andavamo a dormire in un letto piccolo che però diventava grande. Era notte ma nella camera era giorno e non mi pareva strano. Lenzuola estive. Mi chiamavano. I miei vicini erano arrivati in tanti e volevano sapere chi eri e cosa ci facevi lì. Mi alzavo e andavo a spiegargli che sei Zerocalcare e che eri arrivato lì di passaggio (mentre scendevi a Roma, dalla Liguria, credo). Mi facevano un sacco di domande, faticavo a riconoscerli sai? Non avevano l’età che hanno adesso. La signora Francesca aveva sui 20 anni e capelli neri corti e un vestito anni ’60 con la gonna a puf. C’era anche un bambino sui 10 anni, con la pelle chiarissima e i capelli carota (credo fosse il signor Luigi, quello che al sabato ripara le cose in garage). Erano tutti così contenti! Io ho trascorso la notte a dare spiegazioni. Non so se tu hai dormito. Spero di sì, spero benissimo.

    Susanna

    6 Apr 17 at 9:40 am

  87. Calca’, metti pigiama, lava denti, fai abluzioni prima della serie TV….cosi puoi anche dormi’ sul divano e manda’ a quel paese la signorina rottermaier.
    Io farei così.

    Silviaccio

    6 Apr 17 at 1:29 pm

  88. La cosa inquietante è che quel che ti dice la tua signorina Calcare-Rottermaier somiglia molto alla filosofia espressa da Primo Levi in “Se questo è un uomo”…

    Erica Gazzoldi

    6 Apr 17 at 7:32 pm

  89. Se vivi con qualcuno che in genere va a dormire molto prima il livello di difficoltà aumenta di brutto: tutto, tragitto, pigiama ecc va fatto al buio e in assoluto silenzio…. tu prova a svejalla …poi sul divano ce resti 15 giorni!!!! Meglio rischiare la mignolata al buio sullo zampone del letto! Aaaargghh

    Abond

    6 Apr 17 at 9:13 pm

  90. Soluzione intermedia: pigiama e abluzioni e settario della sveglia PRIMA delle serie tv (o videogioco di ruolo).
    Il sonno rimane più o meno intatto.

    Luca

    6 Apr 17 at 9:39 pm

  91. Grande Zero, due storie in così poco tempo!
    Il forum sta tornando alle sue vecchie glorie!

    mi

    7 Apr 17 at 1:08 pm

  92. HAHAHAHAHAHA,praticamente quello sono io Hahahaha!
    Genio assoluto!!!
    Rido da 10 minuti!!! XD

    Dakemura

    9 Apr 17 at 2:10 pm

  93. La mia storia.
    Ogni fottuta sera.
    Sto cercando di capire se è possibile disapplicare l’App Rottermaier…

    daniela

    10 Apr 17 at 5:41 pm

  94. La signorina Calcare Rottermaier è meravigliosa!

    Visto che ormai è un sondaggio: io appartengo alla tribù dei guardatori di film su laptop a letto, che però si addormentano semivestiti e sopra il piumone. Sostanzialmente degli idioti 🙂

    Lorenz

    10 Apr 17 at 9:21 pm

  95. Quando ho visto la genkidama ho avuto un sussulto di commozione: è una cosa che ho sempre pensato anch’io in questi momenti di grande disagio e larvitudine. Non sono sola, menomale.
    Grazie Calcare, stammi bene!

    Abraxas

    11 Apr 17 at 11:22 am

  96. Grande Calca’ !
    Da medico, ti posso da’ un consiglio? Potresti avere iperattivita’ cerebrale in posizione sdraiata (che in medicina si chiama clinostatismo). In questa ipotesi quando metti la testa alla stessa altezza del cuore, la vascolarizzazione e quindi l’attivita’ del cervello aumenta in modo poco volontario e controllabile. Spiegherebbe la tendenza ad addormentarsi seduti (divano) e il risvegliarsi sdraiati (letto). Anche il fatto che stimoli tanto il cervello da seduto guardando la televisione per tante ore prima di andare a letto, e poi passi repentinamente alla completa inattivita’ cerebrale nel buoi stando sdraiato dovrebbe entrarci qualcosa.
    Giusto per provare: 1-per 2-3 sere di fila evita la tv fino a tardi 2-solleva la testa con cuscini a letto. 3-la sera e la mattina misurati la pressione.
    Oh, magari non fa niente, ma se funziona dimmelo ! Ciao, sei un mito !

    Gianni 81

    12 Apr 17 at 8:59 pm

  97. La fattanza si combatte con la tattica. Io ormai mi impigiamo appena possibile e metto lo spazzolino pronto sul lavandino.

    ruf

    13 Apr 17 at 8:14 am

  98. ..io c’avevo anche provato ad invocare Max Pezzali ma niente.. non funziona. Forse Michele Zarrillo..

    Manusha

    13 Apr 17 at 2:51 pm

  99. Seee, ci manca solo di dover attivare una Sim anche per il teletrasporto!!
    Con le compagnie teletrasportofoniche che ti attivano piani tariffari tipo “mille kg di teletrasporti”, ma poi non funziona mai!
    Ma ve lo immaginate?
    “Entri” nel portale sul divano, ma non arrivi da nessuna parte, perchè “non c’è campo” e “l’utente da lei chiamato…”.
    Secondo me, ti svegli nella segretderia del teletrasporto in camera da letto…

    Tizio.8020

    14 Apr 17 at 10:50 pm

  100. >Soluzione intermedia: pigiama e abluzioni e settario
    >della sveglia PRIMA delle serie tv (o videogioco di
    >ruolo).

    >Il sonno rimane più o meno intatto.

    Ci ho pensato anch’io… il problema è che a Zerocalcare in quel caso sparisce il rituale della merendina 🙂

    Valerio Vanni

    16 Apr 17 at 11:06 pm

  101. Però se si fanno abluzioni e pigiama e merendina prima, insomma diventa tutto troppo programmato, si perde poi il brivido e, diciamocelo, ci piace poi affrontare il distaccamento ombelicale dal divano a notte fonda, chi non ha poi adorato quella sensazione di oblio in cui si sprofonda irrimediabilmente! Complimenti Calcare, lo stile delle tue linee e delle tue parole è genuino e immediato e quanto mai… vero. Mi ritrovo in tantissime delle tue storie, convivo con tanti personaggi più o meno animaleschi e più o meno assomiglianti ala Tatcher. Continua a regalarci tanto di tuo!

    Deb

    18 Apr 17 at 6:07 pm

  102. Grande Michele….all’IKEA vendono dei divani letto a du spicci…pensace daje!

    Alessandro Gugino

    20 Apr 17 at 8:47 pm

  103. “ha pisciato intorno al divano per marcare il territorio”…buahahaha. Geniale Calcà:)

    Marco Tempesta

    21 Apr 17 at 5:08 am

  104. Copione fisso di ogni volta che esce il nuovo episodio di “InerireNomeSerie”.. La mia ragazza si addormenta sul divano e a me tocca andarla a recuperare e portarla in braccio in camera..
    Ma mettersi direttamente col portatile in camera no eh?

    GoodMorning

    21 Apr 17 at 7:23 am

  105. Fa bene leggere queste strisce, la parte centrale (dagli dei alla scienza) è talmente buffa che fa ridere anche in un pessimo giorno buttato come oggi!
    Calcare io da bambina abitavo in una casa al quarto piano senza ascensore e mia madre mi si trascinava dietro fino a tardi la sera quando usciva… io crollavo addormentata e poi veniva il momento di salire quelle maledette scale per rientrare a casa… teletrasporto niente, ma avevo inventato l’invocazione al tappeto volante, quello delle Mille e una notte. Arrivava, mi rotolavo sul bordo e quello partiva nell’aria dolce e lunare della notte. Mi deponeva direttamente sul cuscino e poi ripartiva.
    C’era un disegno in uno dei miei libri di bambina, dai colori profondi e intensi. Deve venire da lì. Ma lo sogno ancora!!!

    camilla

    1 Mag 17 at 7:40 pm

  106. Zero, bellissimo…ma è ora di crescere un po’

    Alexi

    3 Mag 17 at 9:14 pm

  107. michele, solo adesso trovo il coraggio di scriverti dopo la figura da cojona a tempo di libri.
    scusa eh, so essere anche meglio di così e se ti sono sembrata la tredicenne scema davanti a justin bieber è perché mi hai spiazzato con la cosa del cognome. stupore e commozione !
    la prossima volta oltre ai biscotti mi porto il foglietto delle cose da dirti come gli attori che vincono gli oscar.

    razmataz

    4 Mag 17 at 11:03 pm

  108. armdadillo preso e divorato, dopo una autoimposta attesa (il mio monatto della sveglia non ammette repliche o spiegazioni, a differenza del tuo).
    grazie, non c’entra nulla qua sul blog, se vuoi impilala sul database di masticazzi.com, ma grazie lo stesso.

    vespero

    8 Mag 17 at 12:11 am

  109. Ho assaggiato il chai e devo dire che sì, è una droga

    Ak1ra

    8 Mag 17 at 8:01 pm

  110. Scusa ma te lo devo dì: quando l’eroe raggiunge la meta… je devi dà ‘n tocco + classico! Spiazzà de netto co’a baciata dura: “E posa il capo alfin su soffice cuscin”.

    Renato

    11 Mag 17 at 3:23 pm

Leave a Reply